Come essere un buon manager durante una crisi

Essere a capo di una PMI comporta tante piccole sfide quotidiane e probabilmente questa situazione è una delle più difficili mai affrontate da qualsiasi imprenditore: ogni manager sente su di sé la responsabilità di riuscire a garantire continuità alla produzione e al tempo stesso quella di rassicurare i propri dipendenti. È importante essere in grado di gestire l’ansia e lo stress causato dalle preoccupazioni, in modo che sia tu che il tuo team possiate superare questo momento così particolare.
Ecco qualche piccolo consiglio:

Essere empatici
Se l’empatia non è una delle tue qualità, devi sforzarti il più possibile per metterti nei panni del tuo team. Molte delle loro sicurezze stanno vacillando, ci si sente sperduti e incerti verso il futuro… Come te, il tuo staff è preoccupato. Sii comprensivo, elastico e flessibile nelle tue decisioni per favorire i rapporti di collaborazione anche in un momento in cui paghe e fatturati sono il tuo primo pensiero.
Il senso di unione tra i lavoratori della tua azienda e il modo in cui li avrai tutelati durante queste settimane saranno i primi gradini percorsi nella salita verso l’uscita da questa emergenza.  

Essere decisi
Sei sicuramente sotto pressione e fare delle scelte non è affatto semplice. Se ti senti negativo e sei sfiduciato, prenditi alcuni giorni per staccare e ridimensionarti. Tieni conto del fatto che il tuo team vede in te il pilastro portante dell’attività e aspettano di sapere come far fronte a tutto questo. Dopo aver riflettuto, anche se a malincuore, comunica le tue decisioni. Che sia la cassa integrazione, il part time, lo smart working, i turni a rotazione, le settimane di lavoro alternate, informa i tuoi dipendenti di come hai intenzione di gestire la situazione, confidando nella loro comprensione, e sii fermo nell’informare dei nuovi provvedimenti: trasmetterai sicurezza e competenza, oltre a ispirare fiducia, sapendo che hai preso in mano la situazione in modo risoluto per il bene dell’azienda e di tutti loro, per il prossimo futuro.

Mantenere la routine
Nei limiti del possibile, cerca di mantenere invariati alcuni momenti della giornata lavorativa: ad esempio, se ogni giorno prima di cominciare eri solito tenere un briefing, organizzalo virtualmente tramite Skype o Zoom e comunica a tutti di essere puntuali con la loro tazza di caffè, davanti allo schermo. Sarà un modo piacevole di restare connessi e ricordarsi che il lavoro di squadra è fondamentale anche se a distanza. Proponi di aggiornarvi a rotazione, o una volta a settimana e ribadisci ai tuoi dipendenti l’importanza di rispettare anche i momenti di pausa per non spezzare le abitudini. Se ci sono scadenze, organizza un meeting online alla consegna del progetto, come avresti fatto in ufficio, chiedendo la presenza di tutti. Se necessario, crea un gruppo su Skype per discutere anche in modo più informale e scambiare due chiacchiere, così come accadeva nei corridoi. Preservare questi rituali è davvero importante per l’umore in un momento di totale incertezza

Essere onesti
Purtroppo non tutti riusciranno a superare questa fase così delicata: molte PMI potrebbero trovarsi in serie difficoltà e essere costrette a licenziare parte dello staff o, peggio, a chiudere. In nome del rispetto e della fiducia che i tuoi dipendenti hanno sempre riposto in te, cerca di essere sincero e diretto in questi casi. Rimandare comunicazioni simili non farà meno male e soprattutto fingere che la tua attività non sia stata influenzata dalla crisi non aiuta nessuno. Fai della tua debolezza un punto di forza: mostrati vulnerabile e amareggiato, per come sei realmente in questo momento, e la trasparenza del tuo dispiacere non passerà inosservato, verrai apprezzato per l’onestà, nella speranza che tutto possa risolversi al più presto.

Per una consulenza marketing gratuita con uno dei nostri esperti certificati Google contattaci qui! Oppure chiamaci allo 02/91194527 o scrivici un messaggio su info@localweb.it per saperne di più.