Grandi novità da WhatsApp

A quanto pare, un nuovo aggiornamento di WhatsApp è in arrivo e i dettagli delle modifiche principali stanno già circolando sul Web.

Dopo il beta test del nuovo aggiornamento su un milione di utenti, i rapporti suggeriscono che il cambiamento principale riguarderà l’invio di pagamenti in modo sicuro tramite l’app, con WhatsApp, da integrare come metodo di pagamento anche per il Marketplace di Facebook .

Gli utenti possono già inviare pagamenti tramite Facebook Messenger ma, secondo i rapporti,  l’introduzione di una funzione simile su WhatsApp aiuterà a fermare la diffusione di truffe tramite l’app, che spesso capitano agli utenti che erroneamente inviano i propri dati bancari a sconosciuti.

Un altro cambiamento segnalato – e di cui gli utenti potrebbero essere meno entusiasti – è che i nuovi Termini di servizio consentono a WhatsApp di condividere informazioni con Facebook e le altre società affiliate.

WhatsApp è stata acquistato da Facebook nel 2014 e ha per lungo tempo che non avrebbe condiviso le informazioni dell’utente con la sua società madre.

Tuttavia, si mormora che i nuovi Termini di servizio recitino: “Le società di Facebook (che includono WhatsApp) sono un gruppo di società di proprietà di Facebook. Altre società di Facebook forniscono servizi a WhatsApp in modo che possano operare e fornire i nostri servizi. “

Aggiunge: “Quando condividiamo le tue informazioni personali con altre aziende di Facebook, queste verranno utilizzate solo per fornire servizi a WhatsApp per nostro conto in conformità con le nostre istruzioni e termini o per garantire la sicurezza e l’integrità di WhatsApp e altri Prodotti aziendali di Facebook. “

“Nulla di ciò che condividi su WhatsApp, compreso il tuo numero di telefono, verrà mostrato su Facebook o sui prodotti aziendali di Facebook, a meno che tu non scelga di farlo.”

NME ha contattato un rappresentante di WhatsApp per una risposta ai rapporti.

Una modifica che invece non avverrà nel nuovo aggiornamento, sarà una funzione di “tono”. Girava voce, infatti, che WhatsApp avrebbe introdotto una funzione che avrebbe inviato un avviso sonoro a un altro utente, se questo non avesse risposto subito a un messaggio, simile al “Trillo” di MSN Messenger. Si scopre però che non è vero, a discapito dei nostalgici di questa simpatica (o fastidiosa?) funzione.