Instagram contro il cyber bullismo

I social nascono come spazio virtuale per esprimere se stessi e per creare e consolidare relazioni tra gli utenti ma a volte non sono luoghi idilliaci: capita, soprattutto ai teenager, ma anche agli adulti, famosi e non, di incappare in risposte offensive, fastidiose o addirittura di essere protagonisti di veri e propri episodi di bullismo.
La libertà e la superficialità con la quale gli iscritti ai social lasciano i loro commenti a volte diventa ingestibile e Instagram ha pensato bene di tutelare i giovanissimi (e non) utenti, con la nuova funzione anti – bullismo per garantire un uso più spensierato dell’app, in tutta sicurezza.
Approfondiamo la questione:

Grazie al Deep Text, un algoritmo in grado di identificare contenuti inappropriati attraverso l’elaborazione di più informazioni contemporaneamente, è possibile ricorrere a vari strumenti che gli iscritti a Instagram possono utilizzare per tutelare sé stessi e intervenire laddove ci sia l’esigenza.

Come funziona
Vengono controllati tutti gli account con maggiore attenzione e sono previsti provvedimenti legali nei confronti degli utenti che infrangono le linee guida della community. All’atto pratico, l’app usa un sistema che riconosce efficacemente le minacce, i commenti offensivi, in particolare quelli di body shaming (che attaccano l’aspetto fisico), critiche al carattere di una persona e li cancella direttamente.

Perché
Oltre al semplice buonsenso, i motivi che hanno spinto Instagram a tutelare i suoi utenti è per non far sì che gli attacchi virtuali, ormai frequenti, risultino “normali” a lungo andare. Sono soprattutto i giovanissimi a pagarne le conseguenze, anche a causa dell’incoscienza con la quale generano contenuti inappropriati senza pensarci troppo, complice il fatto che le storie di Instagram durino solo 24 ore. Bisogna sensibilizzare ogni persona ad un corretto linguaggio e al rispetto per combattere il cyber bullismo e fermarne la diffusione, prima che rientri nella norma leggere le più disparate offese sotto i post pubblicati.

Ecco cosa leggiamo nelle linee guida di Instagram, per andare incontro a chi ha bisogno:
Beatbullying.org è un’associazione benefica dedicata alla prevenzione del bullismo che lavora per consentire alle persone di comprendere, riconoscere e dire “No” al bullismo, alla violenza e alle molestie offrendo loro gli strumenti necessari per trasformare la loro vita e quella dei loro amici.

ConnectSafely.org è un forum online progettato per offrire agli adolescenti e ai loro genitori una voce nelle discussioni pubbliche sui giovani online. Offre inoltre suggerimenti in materia di sicurezza sui social media per adolescenti e genitori, le ultime notizie dal mondo della tecnologia e molte altre risorse.

L’associazione Gay, Lesbian and Straight Education Network (GLSEN) lotta per garantire che i membri di tutte le comunità scolastiche siano valutati e rispettati a prescindere dal loro orientamento sessuale o dall’identità/espressione di genere.

Stopbullying.gov offre risorse formative che aiutano i bambini a discutere di bullismo e un punto di contatto per chi è vittima di bullismo.

Ulteriori funzioni specifiche contro il cyber bullismo:
Dagli ultimi dati raccolti, risulta che gli adolescenti sono sempre più titubanti a “bloccare” chi gli fa del male, in quanto rappresenterebbe un ulteriore sfida per il bullo che non riuscirebbe più a trovare la sua vittima sui social dandogli altri motivi per attaccarlo, senza contare il fatto che tramite le storie è possibile tenerlo d’occhio e sentirsi più sicuri nel sapere cosa stia facendo; dunque Instagram ha introdotto la funzione “Silenzia”, molto più discreta.

Ecco come funziona:
L’utente può silenziare qualcuno scorrendo verso sinistra un commento, attraverso la sezione Privacy in Impostazioni o direttamente sul profilo dell’account che si intende silenziare. In questo modo, solo l’utente potrà vedere i commenti della persona silenziata sui propri post ed è possibile approvarli, rendendoli visibili, cancellarli oppure ignorarli. Ovviamente chi viene silenziato non riceve alcuna notifica.

Instagram infine ha ultimamente lanciato il nuovo sticker e hashtag “Create, don’t hate”, “Creare, non odiare”, per sensibilizzare a un uso più consapevole del social, per generare più creatività e condivisione di contenuti positivi e lottare contro il fenomeno del bullismo!
Condividilo anche tu! #Createdonthate

Per una consulenza marketing gratuita con uno dei nostri esperti certificati Google contattaci qui! Oppure chiamaci allo 02/91194527 o scrivici un messaggio su info@localweb.it per saperne di più.